Bio

Vivo a Bagheria da 38 anni, ovvero da quando sono nato. Sono sposato e padre di due figli.

La mia passione per la politica inizia da giovanissimo. Sin da piccolo, infatti, ho pensato che bisogna impegnarsi in prima persona per migliorare la condizione della società in cui viviamo. La dottrina sociale della Chiesa e l’esempio di uomini come Piersanti Mattarella e Aldo Moro sono i miei principali punti di riferimento culturali e politici. Da studente ho militato prima nel movimento giovanile Cdu (Cristiani democratici Unici) e poi nell’Udc (Unione dei democratici cristiani e di centro). Nel 2003 sono eletto nel Consiglio di facoltà di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Palermo.

Nel 2006 vengo nominato commissario provinciale dei giovani Udc. Sempre nel 2006, a 25 anni, mi candido alle elezioni amministrative di Bagheria, ottenendo 551 preferenze. Un risultato che mi permetterà di entrare in Consiglio comunale, dove svolgerò il ruolo di capogruppo dell’Udc. Nel 2008 entrerò in giunta per ricoprire il ruolo di assessore alle politiche sociali ed alle politiche giovanili. Incarico che porterò avanti fino al 2010, quando mi verranno assegnate le deleghe alla cultura, pubblica istruzione e legalità in sostituzione di quelle precedenti.

Nel 2011 giunge al termine quell’esperienza per me molto bella ed impegnativa. Alle elezioni amministrative successive decido di non candidarmi. Il mio impegno sociale e politico però continua, ma dall’esterno dei palazzi.
Nel 2014 vengo nominato Commissario provinciale dell’Udc e a seguito delle elezioni anticipate a Bagheria mi ricandido ottenendo 632 preferenze, diventando il consigliere comunale più votato.

Nel 2017 mi candido alle elezioni regionali. Con 7.200 preferenze sono il primo dei non eletti nella lista “Popolari e autonomisti”, dietro gli onorevoli Toto Cordaro e Roberto Lagalla, oggi entrambi assessori regionali.

40288052_878408685683246_8610481745608835072_n